due belle pagine di disegni di bambini sui diritti dell'infanzia, alcuni struggenti, altri ancora solari

 

Convenzione sui

Diritti dell'Infanzia

Articolo 1 . Questa Convenzione si occupa dei diritti di tutti coloro che non hanno compiuto diciotto anni .

Articolo 2 . Tutti gli Stati si impegnano a rispettare e a garantire i diritti del bambino, senza distinzione di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica del bambino o d ella sua famiglia .

Articolo 3 . Gli interessi del bambino devono essere considerati per primi e come più importanti. In tutte le decisioni che lo riguardano il bambino ha diritto di ricevere protezione e cure necessarie al suo benessere .

Articolo 4 . Gli Stati si impegnano ad attuare i diritti riconosciuti da questa Convenzione con tutti i mezzi necessari

Articolo 5. Sono i genitori o chi li sostituisce a doversi prendere cura del bambino.

Articolo 6. Ogni bambino ha diritto alla vita. Ogni bambino ha diritto di sviluppare la propria personalità in modo completo.

Articolo 7. Il bambino ha diritto ad essere registrato appena nato; ha diritto ad avere un nome, una cittadinanza e, se è possibile, a conoscere i suoi genitori e a essere allevato da essi.

Articolo 8. Gli Stati si impegnano a rispettare il diritto del bambino alla sua identità, alla sua nazionalità, al suo nome e alle relazioni con la famiglia.

Articolo 9. Il bambino ha il diritto di mantenere i contatti con i suoi genitori, anche se questi sono separati o divorziati.

Articolo 10. Il bambino ha diritto di riunirsi ai suoi genitori o di restare in contato con loro se questi vivono all’estero .

Articolo 11. I bambini non devono essere portati via dal loro Paese in modo illegale .

Articolo 12. Il bambino ha diritto ad esprimere il proprio parere ogni volta che si prendono decisioni che lo riguardano e il suo parere deve essere tenuto nel giusto peso.

Articolo 13. Il bambino ha il diritto di poter dire liberamente ciò che pensa, con i mezzi che preferisce.

Articolo 14. Il bambino ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. I genitori hanno il diritto e il dovere di guidare i figli e in tale compito devono essere lasciati liberi di seguire le idee in cui credono .

Articolo 15. Il bambino ha diritto di stare assieme agli altri.

Articolo 16. Nessun bambino potrà essere sottoposto a interferenze arbitrarie o illegali nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa o nella sua corrispondenza. Non potrà subire lesioni illecite al suo onore e alla sua reputazione.

Articolo 17. I giornali, i programmi radiofonici e televisivi sono importanti per il bambino; per questo motivo è importante che ce ne siano di adatti a lui. Gli Stati devono incoraggiare la produzione di libri e programmi per ragazzi e fare in modo che il bambino sia tutelato contro l’informazione e i programmi che possono fargli male.

Articolo 18. Se un bambino non ha i genitori ci deve essere qualcuno che si occupi di lui . Se i genitori del bambino lavorano, qualcuno deve prendersi cura del bambino mentre loro sono al lavoro .

Articolo 19. Nessuno può trascurare, abbandonare, maltrattare, sfruttare un bambino o fare violenza su di lui.

Articolo 20

Se un bambino non può rimanere con la sua famiglia, deve andare a vivere con qualcuno che si occupi di lui .

Articolo 21 . Il bambino ha il diritto di essere adottato, se la sua famiglia non si può occupare di lui. Non si può fare commercio con le adozioni.

Articolo 22 . Il bambino rifugiato ha il diritto di essere protetto. Il bambino rifugiato deve essere aiutato a riunirsi alla sua famiglia.

Articolo 23 . Il bambino che ha problemi fisici o mentali ha il diritto di vivere come gli altri bambini e insieme a loro. Il bambino che ha problemi mentali o fisici ha il diritto di essere curato. Il bambino che ha problemi fisici o mentali ha il diritto di andare a scuola, di prepararsi per il lavoro, di divertirsi.

Articolo 24 . Il bambino ha il diritto di raggiungere il massimo livello di salute fisica e mentale e di essere curato quando ne ha bisogno.

Articolo 25 . I bambini sottoposti a cure fisiche o mentali hanno diritto a periodiche verifiche del loro trattamento.

Articolo 26 . Ogni bambino ha diritto alla sicurezza sociale.

Articolo 27. Il bambino ha il diritto di crescere bene fisicamente, mentalmente, spiritualmente e socialmente.

Articolo 28 . Il bambino ha il diritto all’istruzione. La scuola primaria deve essere obbligatoria e gratuita per tutti.

Articolo 29. Il bambino ha il diritto di ricevere un’educazione che sviluppa la sua capacità e che gli insegni la pace, l’amicizia, l’uguaglianza e il rispetto per l’ambiente naturale.

Articolo 30 . Il bambino che appartiene a una minoranza ha il diritto di usare la sua lingua e di vivere secondo la sua cultura e la sua religione.

Articolo 31. Il bambino ha il diritto al gioco, al riposo, al divertimento e di dedicarsi alle attività che più gli piacciono.

Articolo 32. Nessun bambino deve essere sfruttato, Nessun bambino deve fare lavori che possano essere pericolosi o che gli impediscano di crescere bene o di studiare.

Articolo 33 . Il bambino deve essere protetto dalla droga.

Articolo 34 . Nessun bambino deve subire violenza sessuale o essere sfruttato sessualmente.

Articolo 35 . Nessun bambino deve essere rapito, comprato o venduto

Articolo 36 . Il bambino non può essere sfruttato.

Articolo 37 . Nessun bambino può essere torturato o condannato a morte o all’ergastolo. Nessun bambino può essere privato della sua libertà in modo illegale o arbitrario.

Articolo 38 . Nessun bambino al di sotto dei quindici anni deve essere arruolato in un esercito né combattere in una guerra.

Articolo 39 . Il bambino che è stato trascurato, sfruttato e maltrattato ha il diritto di essere aiutato a recuperare la sua salute e la sua serenità.

Articolo 40 . Il bambino che è accusato di un reato deve essere ritenuto innocente fino a quando non sia riconosciuto colpevole, dopo un processo giusto. Comunque, anche quando è riconosciuto colpevole, ha il diritto di ricevere un trattamento adatto alla sua età, che lo aiuti a tornare a vivere con gli altri.

Articolo 41. A questi diritti ogni Stato può aggiungerne degli altri, che migliorino la situazione del bambino.

Articolo 42. Bisogna far conoscere a tutti, adulti e bambini, quello che dice questa Convenzione.

Articoli 43-52. (omissis)



APPROVATA

DALL'ASSEMBLEA GENERALE DELLE

NAZIONI UNITE IL 20 NOVEMBRE 1989,

ratificata dall'Italia

con legge del 27 maggio 1991 n. 176,
depositata presso le Nazioni Unite

il 5 settembre 1991


testo in versione ridotta e semplificata

scritto da Paula Benevene, Franco Ippolito e Francesco Tonucci per la Fondazione Basso

in F. Tonucci,

Se i bambini dicono: Adesso basta.

Laterza, 2002

 

A RAUL, FERNANDO, PATRIZIA, SEBASTIAN

morti bruciati nel sonno a Roma

A DEVID

morto di freddo a 23 giorni a bologna

AI BAMBINI DEL CASILINO 700

scomparsi’ dalla scuola un mattino di un anno e mezzo fa a seguito dello smantellamento del campo

AI BAMBINI ROM

a cui si prendono le impronte digitali

AI BAMBINI LASCIATI SENZA PRANZO

nella mensa scolastica


Perché siamo tutti consapevoli delle piccole e grandi ingiustizie

che commettiamo nei confronti dei soggetti minori


L’ABUSO ALL’INFANZIA E’ UN PROBLEMA DI TUTTI

( e’ il titolo di un bel fascicolo del Ministero della Sanita’ con cui si presenta il ‘Piano Infanzia’)

l’abuso e la violenza all’infanzia possono avvenire in tutti gli ambienti sociali e culturali e non si esprimono solo nel maltrattamento fisico, che presenta degli indicatori molto spesso evidenti, ma anche nell’abuso sessuale, in quello psicologico e nella grave trascuratezza….al di la’ dei casi gravi, esiste una grandissima parte sommersa di comportamenti attivi e passivi compiuti dagli adulti nei confronti dei bambini che possono pregiudicarne seriamente lo sviluppo, come ad esempio un continuo disinteresse nei loro confronti.’


Cosa vuol dire abusare di un bambino?

  • non fornirgli le cure indispensabili alla sua crescita(alimentazione, abbigliamento, igiene, cure mediche)

  • non tener conto né dei suoi tempi né dei suoi spazi di vita

  • far rivivere al bambino quello che l’adulto stesso ha vissuto da piccolo(percosse, punizioni ripetute,…)

  • imporre al bambino delle violenze per ‘correggerlo’

  • non dimostrargli affetto, o anche ‘dimenticarsi’ per ore della sua esistenza

  • far sentire il bambino sempre colpevole di qualcosa per ‘educarlo’

  • far assistere il bambino a continue conflittualità in famiglia

CI SONO DEI BAMBINI CHE SONO AGITATI, FANNO DELLE ‘SCIOCCHEZZE’ PER ATTIRARE L’ATTENZIONE DI COLORO CHE GLI STANNO INTORNO.

IL LORO BISOGNO DI AFFETTO E’ INSODDISFATTO AL PUNTO TALE DA ESSERE DISPOSTI AD ESSERE SGRIDATI O ANCHE PICCHIATI PUR DI AVERE QUALCUNO CHE SI OCCUPI DI LORO.’


PERCHE’ NON POSSIAMO PIU’ DIRE:

  • NON SAPEVAMO - NON VOLEVAMO

  • SONO STATI GLI OSTACOLI BUROCRATICI

  • NON CI RIGUARDA

  • E’ COLPA LORO, DEL MODO IN CUI VIVONO

TUTTI SIAMO RESPONSABILI DEL BENESSERE

E DEL SERENO SVILUPPO DELL’INFANZIA

Possano riposare sereni nel tepore della terra

che non ha saputo o voluto lasciarli vivere


Giancarlo Cavinato, dirigente scolastico